Main menu

 
 
 

Campionati Italiani Giovanili - 2014

Valdina, il 1° maggio 2014, si è svegliata tricolore grazie alle prodezze di piccole ma grande, grandissime atlete della nostra comunità. Valdina è salita per ben 2 volte sul tetto dell'Italia pongistica giovanile, quell'Italia che ancora non sa, o meglio, non sapeva, dove si trova Fondachello (perchè neanche il navigatore satellitare ci trova) e si domanda chi siamo, come è stato possibile che un piccolissimo centro di provincia, dove non c'è neanche una palestra adeguata, abbia oscurato grosse e attrezzatissime realtà metropolitane.

La risposta si chiama Passione (con la P maiuscola), spirito di lotta e sacrificio che ti permette di raggiungere traguardi impensabili. Prima, molti sapevano che Sofia Sfameni era stata chiamata nella nazionale giovanile, adesso tutti conoscono anche Emma Gervasi, ma loro, sono solo la punta di un iceberg che è composto da altre atlete e atleti per noi ugualmente campioni come Maria Abate (che ha vinto 1 medaglie d'argento ed 1 di bronzo ai campionati dello scorso anno) e Barbara Ruvolo ( più volte campionessa regionale), senza dimenticare tutti i componenti della società (non faccio nomi perchè rischio di dimenticare qualcuno), soprattutto i... "giovincelli più esperti con qualche capello bianco"... che ogni sera, con grandissima umiltà, si mettono a disposizione dei più piccoli per farli crescere pongisticamente.

Società, tecnici, atleti e genitori si sono uniti, formando un granitico pugno chiuso che ha mandato ko tutte le avversità e tutti coloro che si sono infrapposti fra noi e l'obbiettivo da raggiungere.

Moltissimi ragazzi hanno praticato e poi abbandonato il nostro sport nella nostra società, perchè convinti di non poter emergere, bene, a loro io dico avevate torto, ma non perchè non ci siete riusciti, ma perchè non avete lottato, avete abbandonato senza neppure tentare e questo è il grande male dei nostri giovani, vogliono tutto senza faticare, sconoscendo così il sapore della meritata conquista.

Fino adesso,noi dell'Astra siamo stati vincenti perchè non abbiamo mollato mai, convinti della bontà del nostro lavoro, ma, a tutto esiste un limite che, senza l'aiuto della collettività e di chi ci rappresenta, non possiamo superare ed è il motivo per cui scompaiono molte società sportive, perchè vengono lasciate sole.

Noi vogliamo andare avanti e chiediamo immediatamente, perchè non si può più rinviare, una struttura adeguata alla nostra realtà, perchè è umiliante dover ospitare squadre di grandi città in un luogo senza docce nè tribune e dovendo utilizzare una struttura scolastica che, invece, dovrebbe essere sfruttata dagli studenti.


Nick Carter

 


View the embedded image gallery online at:
http://www.asdastra.it/#sigProGalleriaa504a3859b